Archivio Autore

PER FARE UN TAVOLO

HOME

  30441193_1006966502794665_8654233745960903585_n   18582178_829241310567186_9190840192994394108_n

Per Fare un Tavolo…

Qualche giorno fa abbiamo ospitato a Potenza Città Sociale un gruppo di operatori stranieri che avevano aderito ad un progetto per lo scambio di prassi, modalità e cultura nel terzo settore. Sono rimasti molto colpiti da quante attività proponevamo. Si chiedevano come fossimo giunti all’idea di realizzare nuovi oggetti creativi, restaurare tavoli, produrre miele ed olio, che mettiamo in vendita per finanziare attività utili alla comunità stessa ed al reinserimento dei ragazzi nel tessuto sociale e lavorativo esterno. Mi sono così trovato a spiegare la filosofia che ci muove e che affianca il processo costruttivo di tutti i nostri prodotti, da quando piantiamo semi nelle esistenze rese desertiche dalle sostanze e dalle dipendenze a quando siamo contenti ed orgogliosi di raccogliere i frutti, per tornarne a piantare i semi, in un circolo virtuoso che autoalimenti la spinta alla vita che tentiamo costantemente di promuovere. Certo, un seme, da solo, non è mai abbastanza. L’Associazione Insieme, in effetti, è proprio come un organismo vivente: Ha radici saldamente ancorate ai valori di cui si fa portatrice, nella lotta e nella cura per la vita su vari livelli, dall’attenzione alla singola persona ed alla sua “scintilla” interna, fino ad arrivare all’ambiente, passando per i diritti di popolazioni intere; ha un fusto resistente, tenuto insieme dai nodi stretti ma flessibili di chi spende le sue competenze ed il suo impegno per permettere alla linfa di raggiungere la chioma; ed ha foglie e frutti che si irradiano dai rami avvolti fra loro a creare trame sempre diverse. Per fare un tavolo, o un vasetto di miele, però, un seme non è abbastanza, e i nostri ragazzi alla Fattoria Sociale “Le 3 Querce” lo sanno bene. Esso necessita della continua attenzione di un’acqua che offra materie prime e vitalità alla cellulosa, della costanza di un sole che riscaldi e doni luce per la fotosintesi, di spazio e tempo per proseguire nel suo percorso di crescita. Di un terreno fecondo, ricco di quei sali minerali che costituiscono l’ossatura della vita stessa. Quando piantammo la Fattoria Sociale, ma anche quando decidemmo di arare per far posto ai germogli del Centro SocioEducativo di Picerno Città Sociale, scegliemmo con cura di scavare proprio a Picerno. E la coltura attecchì. Molto spesso ci meravigliamo della tenacia e della potenza di uno stelo che sconfigge la forza di gravità, attraversa terra e fango, può arrivare perfino a spaccare il cemento per trovare una via che raggiunga l’aria, la luce, la libertà. Il miracolo della vita lo chiamano. Eppure poco ci si interroga comunemente sull’importanza dell’humus, della composizione chimica e fisica che permette a quel seme di sbocciare e cominciare la sua grande battaglia. Per noi, che vestiamo i panni dei contadini nella nostra Fattoria, invece, è fondamentale ringraziare quel terreno, un po’ come si faceva nei vecchi riti propiziatori dimenticati. Per di più, la terra che oggi vorremmo ringraziare ha un nome, e si chiama Picerno, che ha accolto il nostro piccolo innesto e gli ha dato una sede dove gemmare. È anche grazie agli abitanti di quei luoghi se tanto i ragazzi in fattoria, quanto quelli del CSE hanno potuto sentire di trovarsi a casa loro, senza il timore di schiudersi e di lasciare che i raggi cominciassero a penetrare all’interno del calice. Nei gruppi di camminata, nella partecipazione agli eventi organizzati, nelle feste di Paese, non c’è modo di distinguere i nostri ragazzi dagli altri cittadini. Questa è la forza più grande. Le storie di vita non costituiscono un recinto che separa, ma un impalcatura su cui i viticci della relazione si arrampicano e si ricongiungono, si cercano e si intrecciano, condividendo e moltiplicando la linfa vitale. In ciascuno dei nostri prodotti, dagli ortaggi ai funghi, dal miele all’olio, una volta raffinato il proprio palato, o il proprio olfatto, ci piace immaginare di poter avvertire un pezzo di Picerno, che rivive nella cura con cui la città tratta la Fattoria e, per osmosi, nelle piante in crescita. Per fare il nostro olio, o il nostro miele ci vuole il legno degli alberi fioriti dai semi che la gente su in paese custodisce nei campi della propria ospitalità. Per fare un tavolo ci vogliono le persone giuste. A Picerno le abbiamo trovate. Grazie.

Ufficio Stampa Insieme

 

Leggi Tutto Nessun Commento

POTENZA SOTTO ASSEDIO

HOME

    potenza-dall-alto                            

POTENZA SOTTO ASSEDIO

In questi giorni Potenza è continuamente attraversata dal via-vai di macchine della polizia, dei carabinieri, della guardia di finanza. Controlli a tappeto in tutto il capoluogo, un grande dispiegamento di risorse umane ed energie. Non stupisce, dato l’aumento dello spaccio e del consumo di eroina degli ultimi tempi. Si abbassano i prezzi, si inaspriscono le sostanze, ed il commercio di droga è sostenuto anche da una manovalanza straniera, poco inserita nel tessuto sociale ed economico, profilo perfetto per le campagne di assunzione della malavita. All’altro capo del Paese c’è chi parla di annullare il principio della modica quantità, che in sostanza discrimina, in sede di giudizio, chi si macchia di crimini legati alla detenzione ed allo spaccio di stupefacenti in base ad una soglia di quantità di sostanza venduta. Chi transita nei contesti della droga, in parole povere, è un criminale dello stesso calibro, indipendentemente da quanta “roba” gli si trova addosso. Tutto questo è indice positivo di un aumento di interesse all’argomento. Ma a cosa porta il quadro attuale? O meglio, a cosa torna?

Torniamo a più di venti anni fa, quando la dipendenza e l’abuso erano semplicemente devianze, un problema principalmente comportamentale; e a devianza si risponde con l’intransigenza della legge, la rigidità delle sbarre, la fermezza delle volanti. Un modello che ha come unica “arma” la regola, inviolabile e sacra muraglia a garanzia di ciò che è giusto e di ciò che è sbagliato. A difesa della Porta Principale si erge il sistema di premi e punizioni, il quale, nella teoria, dando struttura solida a ciò che è carente e debole, ovvero la volontà del soggetto, rinforzerebbe la parte buona e giusta della persona e scardinerebbe ciò che è malato, marcio, deleterio.

In un periodo in cui il dialogo e gli spazi-per-pensare sono messi da parte a favore del passaggio all’azione diretta, immediata, priva di sfumature, le soluzioni ad una problematica come l’uso e l’abuso di stupefacenti, con tutto ciò che gravita attorno, sembrano rispecchiare in pieno l’impostazione ideologica, culturale e politica attuale, che predilige il principio del “tutto o niente”, del “subito o mai”, del “criminale o brava persona”, senza mediazioni, senza le “inutili” zavorre della complessità. Più controllo al posto della sensibilità, quindi, più pattuglie invece di persone per supportare, più repressione ed occhi per vigilare invece di orecchie e cuori per ascoltare. Sotto l’assedio delle sostanze, in cui ci troviamo per una serie di fattori economici, sociali e geopolitici, tra aumento del disagio e crollo dei prezzi di produzione, il rischio è che l’unica risposta sia il compattarsi dietro un pensiero di pietra che, per difendere le proprie mura, lascia inaridire i campi fuori e dentro il recinto più intimo di ciascuno.

Quando ci si chiude in difesa, tuttavia, contro questo nemico, ci si sta arrendendo alla sconfitta, si diventa passivi controllori di vite alla deriva. È un gioco a perdere, che ci solleva per un attimo dall’avvertire il disagio di una generazione che si droga di più e comincia a drogarsi più precocemente, anche in una città piccola come Potenza; un gioco che dà illusioni, grottescamente simile a ciò che ci si prefigge di combattere. Bisognerebbe invece giocare in attacco, porsi come agenti di cambiamento, accettare che il problema non è esclusivamente giuridico, ma manifestazione di una sofferenza più profonda, esito di una risposta rischiosa e spesso fatale agli eventi di un’intera esistenza. Sarebbe necessario insomma un cambio di strategia, che si avvalga della guida di chi sul territorio ci ha già vissuto e combattuto per anni, di chi si è speso nei contesti di cura reinserendo speranza, accompagnando la ripartenza di progetti di vita bloccati o gravemente danneggiati. Sostituire gli stendardi dell’irremovibilità con quelli di una com-prensione determinata, in campo aperto, ci proteggerebbe dal rischio di saccheggiare dall’interno il bene più prezioso: La persona umana, con le sue sfaccettature, i suoi errori, le sue difficoltà.

Per sciogliere i nodi è più utile una mano che ne segue il filo di una lama affilata che lo taglia.

Ufficio Stampa Insieme

Leggi Tutto Nessun Commento

I cancelli aperti di Potenza Città Sociale

HOME

    .     ok    

.

I CANCELLI APERTI DI POTENZA CITTA’ SOCIALE

La scorsa settimana il padre di uno dei nostri ragazzi si meravigliava del fatto che non ci fosse nessuno “a guardia” dei nostri cancelli. “Non sarebbe più sicuro”, mi ha chiesto, con un misto di disorientamento, incertezza ed una nota di preoccupazione “tenerli chiusi?” I cancelli di Potenza Città Sociale sono e sono stati sempre aperti. Più che una regola è una visione del mondo, della vita, dell’essere umano. È la nostra visione, il mantra alla base del modello che seguiamo, il faro che ci ha sempre guidati e che non abbiamo mai abbandonato, neanche di fronte ai timori delle istituzioni e degli enti attivi nel nostro stesso campo, abituati a contesti dove è la chiusura, l’irregimentazione, fatta di protettività e controllo punitivo, ciò che consente di combattere l’abuso di sostanze e le dipendenze, o almeno di contenere, se non di rinchiudere, i danni per l’individuo e la società. All’incirca dieci anni fa cominciammo a proporre una prospettiva diametralmente opposta, che vede nell’apertura al mondo esterno, alle relazioni, all’incontro, la chiave di volta del cambiamento interno dei nostri ragazzi, come dell’essere umano in tutte le sue declinazioni, dal singolo ai gruppi, fino alle società intere. I nostri cancelli rimangono aperti a difesa della libertà, perché non c’è guarigione né cura senza di essa, senza la possibilità di sbagliare, di farsi male, in parole povere di assumersi il rischio e quindi la responsabilità delle proprie scelte, della propria identità. La libertà, intesa in questo senso, è il contrario della dipendenza e della patologia. Sono Libero, quindi Sono. Questo non è un mero aforisma, ma un’idea forte alla base della costruzione di ogni nostra azione, a qualsiasi livello. È per questo che non abbiamo mai accettato affiliazioni, sudditanze, sottomissioni, e siamo ancora qui con lo stesso spirito, lo stesso principio. I nostri cancelli sono ancora aperti. Chiuderli non vorrebbe dire solo trattenere ciò che abbiamo affinché non esca dagli eventuali recinti rigidi, in un braccio di ferro tra la spinta alla vita che coltiviamo nelle nostre strutture e la spinta alla morte che caratterizza la fuga dal contesto di cura, ma anche e soprattutto tagliare via, simbolicamente, ed anche concretamente in qualche caso, le risorse che esistono sul territorio, una chiusura all’incontro con il mondo qui fuori, l’ennesima fuga dalla realtà. Siamo coscienti che ogni apertura è un rischio, ma sappiamo anche che diventa un pericolo solo se al di qua non c’è una struttura che regge, che “mantiene”, fatta proprio di quelle idee forti che cementificano l’identità di una persona, di un gruppo, come quella di un’intera comunità. Ecco allora il motivo per cui non abbiamo mai avuto paura a dialogare con l’esterno, che può o può non condividere la nostra direzione, le nostre stesse convinzioni, i nostri stessi obiettivi. Non ci spaventa la prospettiva di confrontarci, anche con la spinta alla morte, ed utilizzare quell’energia in funzione della vita. Libertà non è poter sopravvivere da soli, ma mantenere la propria integrità nell’in-contro con l’altro. I cancelli di Potenza Città Sociale, insomma, rimangono aperti perché una tempesta trova sempre spiragli da cui passare, ed è nella tempesta che si impara a navigare. L’ossigeno, la luce e, con essi, la vita, invece hanno bisogno di fessure ben studiate, sia per entrare che, soprattutto, per poter uscire. Laddove la chiusura nutre il buio, l’apertura è la risposta naturale della crescita.

UFFICIO STAMPA INSIEME

(Fabio Stefanelli)

Leggi Tutto Nessun Commento

“IL MONDO STA IMPAZZENDO”

HOME

    52445518_1200997146722409_1099567440876011520_n

IL MONDO STA IMPAZZENDO

Non è la citazione di qualche nuovo film distopico ricolmo di effetti speciali; non è l’esclamazione melodrammatica di un disilluso che legge i giornali o anche solo i titoli, ascolta le notizie o che semplicemente si guarda intorno, per quanto la conclusione sarebbe estremamente simile, in modo inquietante; né tantomeno l’urlo di battaglia del politico di turno che spera di attingere voti dall’elettorato più facile, quello degli scontenti. No.

È tutto reale, nessuna esagerazione né ideologismo. È il succo dell’affermazione di chi di pazzia se ne intende. Stiamo parlando di Devora Kestel, il direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’agenzia dell’ONU che si occupa di salute e benessere. Secondo le ricerche recenti, infatti, la depressione è in aumento, di pari passo con l’abuso di sostanze e i tentativi di suicidio. Ogni giorno siamo più patologicamente tristi, ma il dato davvero preoccupante è che lo siamo più precocemente, e per più tempo.

Cominciamo da più giovani e lo siamo più a lungo nella vecchiaia. La vita, insomma, si è allungata, il progresso scientifico fa balzi da capogiro, stiamo escogitando come affrontare l’universo aperto, inventandoci vele spaziali che navigano a velocità sempre più fotoniche, ma pare che il terreno conquistato lì su, lo stiamo perdendo qui sul pianeta terra, dentro di noi, dove le ombre, nel lento divenire del quotidiano, sono più grandi e grottesche che mai.

Nessuna notizia dalla NASA su una qualche sonda che ci aiuti ad analizzare rocce e polveri dell’interiorità, anzi, dai dati pare che la ricerca di modi che ce ne allontanano, attraverso sostanze, dipendenze e altre strategie più o meno coscienti, sia in continuo fermento. È uno dei tanti paradossi dell’era moderna. La civiltà si racconta come orientata al successo attraverso i sorrisi nei manifesti ed alla TV, mentre i demoni dietro le luci al neon ci narrano una storia diversa.

È una storia che parla di morte e desolazione, per di più in una società in cui di morte è proibito parlare. È una parola bandita dal vocabolario, un tabù della tribù ultramoderna, perché ne viola e minaccia i presupposti. Ci ricorda della fragilità in un contesto in cui la potenza ed il potere sono parole d’ordine, ci ricorda della brevità in un’epoca che tende all’infinito, della sofferenza in un quadro di overdose di ottimismo, dell’impotenza, del limite, dell’umanità quando ci preferiremmo divinità.

Così si muore, ma lentamente, magari nascondendo i segni della necrosi in atto, spesso addirittura proprio nel tentativo di curarsi da quel senso di morte che aleggia come una nube di smog sull’imponente grattacielo del “tutto è possibile, ed anche subito”; ci si allontana dalla vita pezzo dopo pezzo, buco dopo buco, o all’improvviso, in un incidente stradale come molti giovani, quasi a voler avere la possibilità di dare la colpa ad un infausto destino.

E se fisicamente non si muore, che si anestetizzi il vuoto interno, il lutto incolmabile dell’anima, o che venga riempito di movimento ciò che, intimamente, è fermo, immobile, esanime. Internet, cellulari, frenesia, connessione continua. Tutto pur di non sentire, di non ascoltarsi, mentre il tessuto sfilacciato della comunità non offre reti di contenimento, di attutimento della caduta di valori, certezze, punti di riferimento sociali, politici e culturali.

Il “mal du siécle”, che a pensarci si riferiva al secolo scorso, ma che a quanto pare ci siamo portati oltre la soglia del 2000, prolifera ancora, spesso non visto, nei vicoli della società attuale, attecchendo fra le maglie delle coordinate spazio-temporali appena espresse e le storie personali, peculiari, irripetibili di ognuno.

Nel suo replicarsi, mutare nelle forme, sempre comunque legate a tutto ciò che riguarda l’autodistruzione del singolo e dei gruppi, ci segnala un concetto importante, una lezione di vita se vogliamo. Ci invita, cioè, a spostare ogni tanto gli occhi dalla luna, e ad osservare il dito e chi indica. Probabilmente non ci aiuterà a conoscere nuove forme di vita extraterrestre, ma ci terrà in contatto con noi stessi, e a sentirci un po’ meno vuoti, un po’ più sani di mente, un po’ meno alieni.

Ufficio Stampa Insieme

Ph. I tamburi dei briganti

 

Leggi Tutto Nessun Commento

MALALA

Malala Premio Nobel per la Pace, vittima di un attacco dei talebani e sopravvissuta a una ferita di arma da fuoco. Nel proprio Paese è considerata la più grande sostenitrice dell’istruzione femminile.   ok

Leggi Tutto Nessun Commento

Informativa alla Legge 124/2017

  Legge-min    

La legge 124/2017 (legge annuale per il mercato e la concorrenza) ha introdotto una nuova previsione per dare maggiore trasparenza alla destinazione delle risorse pubbliche. Ha introdotto l’obbligo, a carico dei soggetti privati (tra cui le ONLUS) di pubblicare, sui propri portali digitali o siti, le informazioni relative a sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque a vantaggi economici di qualunque genere incassati nell’anno 2018, superiori ai 10.00,00 euro.

Simbolo PDFLEGGE 124-2017

 

Leggi Tutto Nessun Commento

PRIMA GLI ITALIANI

HOME

Italiaspezzataindue

Prima gli italiani”. Fino a qui tutto bene. Il problema non è l’accaduto, ma il retaggio (cfr. “L’odio” di Kassovitz).

Fino a che si antepongono gli interessi di una nazione a quelli di chi non ne fa parte, agli occhi di un italiano questo può avere un senso logico, anche da un punto di vista antropologico, che sia condivisibile o meno. Quindi ok, ascoltiamo, con la possibilità di dissentire, il “Prima gli Italiani!”. Il problema nasce nel momento in cui sorge il dubbio spontaneo: “Si, ma quali?”.

Non è una domanda da poco, e la tentazione di affrontare una dissertazione storica sulle italiche genti, sui flussi migratori e sull’antica Roma è davvero forte, ma rischierebbe di arenarsi in contrapposizioni ideologiche e frasi fatte che poco si sposano con il pragmatismo e l’ottica di semplificazione che, magari giustamente, o magari molto ingiustamente, chissà, si persegue al giorno d’oggi.

Ci si riferisce quindi non ad un problema di natura storico, genetico o di qualsiasi materia suggerita dai possibili voli pindarici a partire dall’argomento, ma ad una questione squisitamente attuale. Molti acclamano la politica discriminatoria odierna, nel senso etimologico, ovvero di discernere a chi destinare e a chi non destinare le non infinite risorse disponibili. La questione è seria ed effettivamente va affrontata, il più linearmente ed efficacemente possibile. A scuola mi hanno sempre insegnato che la soluzione dei problemi è tanto più semplice quanto più semplice risulta l’impostazione del problema stesso.

Matteo gestisce un agriturismo ed ha otto fette di torta, preparata con alcuni degli ingredienti di propria produzione e pochi altri donati da una ditta esterna. Nella sala adiacente c’erano dieci persone, ma ad un certo punto ne è entrata poco meno di un’altra (dati ISTAT). Matteo propone quindi una soluzione, vista l’evidente stato di sovrannumero e l’affollamento della sala: Dare la torta solo a chi fa parte del proprio gruppo, così entra in sala e dichiara “La cucina è chiusa. La torta è solo di quelli del mio gruppo. È finita la pacchia”, e così via.

Tutto risolto. Fino a qui tutto bene, sembra. Il vero problema, come in ogni quesito, sorge nel momento in cui bisogna definire le unità di misura e le espressioni connesse. Per esempio: qual è l’unità di misura del “mio gruppo”? Sicuramente sono escluse le poco-meno-di-una-persona che hanno invaso la sala all’ultimo. Perfetto, quindi sappiamo a cosa NON si riferisce l’espressione “mio gruppo”. Ma a cosa si riferisce?

Mentre ci si accalora sulla diabolicità e sulle tendenze sataniste dei conduttori di San Remo e sulla faziosità dei giudici di gara, che probabilmente hanno effettivamente scelto un semi-straniero per dare un messaggio politico, seguendo peraltro il modus operandi del dare messaggi, parlare, chiacchierare, il gestore dell’agriturismo (che poi è il vice-gestore) fa i fatti. Si discute del “Prima gli Italiani” su un canale e, a TV spenta, si va avanti con le autonomie. Del nord. Dall’Italia. Ecco servito l’equivalente in salsa nouvelle cuisine del secessionismo. Gli ingredienti, questa volta hanno pesi ben precisi, e seguono la tecnica della divisione nelle varie fasi della ricetta.

Prima gli Italiani, ma niente torta alle scuole del sud, anzi, più bacchettate, perché devono impegnarsi di più. Prima gli Italiani, ma una specifica parte di questi non deve più sobbarcarsi la semina nel campo comune come tutti quanti. Prima gli Italiani, ma qualcuno di questi prima di altri.un sottile scivolamento verso un’Italia che non è più una, ma unita contro lo straniero. Saremo una Patria-Famiglia, una di quelle famiglie che si riuniscono solo in occasione dei mondiali, ad urlare contro Zidane e contro le squadre avversarie, poi ognuno a casa propria, a “discriminarsi” a vicenda, sempre nel senso etimologico.

Quesito: Prima gli Italiani. Si, ma quali? Svolgimento: Abbiamo fatto l’Italia, adesso è ora di disfarla.

  FONTE: https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/02/13/domani-testo-autonomia-in-cdm_87d52e52-49e5-4488-be81-86db69d9e3dc.html    

                                                                                            UFFICIO STAMPA INSIEME

                                                                                                      (Fabio Stefanelli)

 

Leggi Tutto Nessun Commento

EQUIPE


MARIAELENA BENCIVENGA

MARIAELENA BENCIVENGA

Presidente
DOMENICO MAGGI

DOMENICO MAGGI

Direttore C.P.I.
ANGELA BARAGLIA

ANGELA BARAGLIA

Operatore
CARMEN FUSCO

CARMEN FUSCO

Vice Direttore
DOMENICO MAROSCIA

DOMENICO MAROSCIA

Medico Chirurgo
MARIA LUCIA NOLE'

MARIA LUCIA NOLE'

Psicologa
PIERO GAROFOLI

PIERO GAROFOLI

Operatore
GIANLUCA GUIDA

GIANLUCA GUIDA

Operatore
SABATO ALVINO

SABATO ALVINO

Psicologo
AMEDEO SALVIA

AMEDEO SALVIA

Operatore
VINCENZO MARTINELLI

VINCENZO MARTINELLI

Presidente C.T.S.
FABRIZIO CERBASI

FABRIZIO CERBASI

Psicologo
DORA ROSA NAPPI

DORA ROSA NAPPI

Cuoca
LETIZIA TOMASIELLO

LETIZIA TOMASIELLO

Sociologa
GIOVANNI PICCINOCCHI

GIOVANNI PICCINOCCHI

Operatore
VINCENZO PIGNONE

VINCENZO PIGNONE

Operatore
FLAVIA SALVIA

FLAVIA SALVIA

Resp. Amministrazione
ANDREA BARRA

ANDREA BARRA

Psichiatra
FRANCESCA LUCIBELLO

FRANCESCA LUCIBELLO

Psicologa
LETIZIA MARTINELLI

LETIZIA MARTINELLI

Resp. Segretaria
FELICIANA FARENGA

FELICIANA FARENGA

Educatore
LAURA LA TORRE

LAURA LA TORRE

Operatore
FABIO STEFANELLI

FABIO STEFANELLI

Psicologo
GIANNOFRIO MASESSA

GIANNOFRIO MASESSA

Psichiatra
Indirizzo:
viale del basento, 102
85100 Potenza (PZ)
Telefono:
0971.601056 – 0971.1800833
Fax:
0971.506444
Cellulare:
338.9905806
logo_completo



Powered by Warp Theme Framework