PRIMA GLI ITALIANI

HOME

Italiaspezzataindue

Prima gli italiani”. Fino a qui tutto bene. Il problema non è l’accaduto, ma il retaggio (cfr. “L’odio” di Kassovitz).

Fino a che si antepongono gli interessi di una nazione a quelli di chi non ne fa parte, agli occhi di un italiano questo può avere un senso logico, anche da un punto di vista antropologico, che sia condivisibile o meno. Quindi ok, ascoltiamo, con la possibilità di dissentire, il “Prima gli Italiani!”. Il problema nasce nel momento in cui sorge il dubbio spontaneo: “Si, ma quali?”.

Non è una domanda da poco, e la tentazione di affrontare una dissertazione storica sulle italiche genti, sui flussi migratori e sull’antica Roma è davvero forte, ma rischierebbe di arenarsi in contrapposizioni ideologiche e frasi fatte che poco si sposano con il pragmatismo e l’ottica di semplificazione che, magari giustamente, o magari molto ingiustamente, chissà, si persegue al giorno d’oggi.

Ci si riferisce quindi non ad un problema di natura storico, genetico o di qualsiasi materia suggerita dai possibili voli pindarici a partire dall’argomento, ma ad una questione squisitamente attuale. Molti acclamano la politica discriminatoria odierna, nel senso etimologico, ovvero di discernere a chi destinare e a chi non destinare le non infinite risorse disponibili. La questione è seria ed effettivamente va affrontata, il più linearmente ed efficacemente possibile. A scuola mi hanno sempre insegnato che la soluzione dei problemi è tanto più semplice quanto più semplice risulta l’impostazione del problema stesso.

Matteo gestisce un agriturismo ed ha otto fette di torta, preparata con alcuni degli ingredienti di propria produzione e pochi altri donati da una ditta esterna. Nella sala adiacente c’erano dieci persone, ma ad un certo punto ne è entrata poco meno di un’altra (dati ISTAT). Matteo propone quindi una soluzione, vista l’evidente stato di sovrannumero e l’affollamento della sala: Dare la torta solo a chi fa parte del proprio gruppo, così entra in sala e dichiara “La cucina è chiusa. La torta è solo di quelli del mio gruppo. È finita la pacchia”, e così via.

Tutto risolto. Fino a qui tutto bene, sembra. Il vero problema, come in ogni quesito, sorge nel momento in cui bisogna definire le unità di misura e le espressioni connesse. Per esempio: qual è l’unità di misura del “mio gruppo”? Sicuramente sono escluse le poco-meno-di-una-persona che hanno invaso la sala all’ultimo. Perfetto, quindi sappiamo a cosa NON si riferisce l’espressione “mio gruppo”. Ma a cosa si riferisce?

Mentre ci si accalora sulla diabolicità e sulle tendenze sataniste dei conduttori di San Remo e sulla faziosità dei giudici di gara, che probabilmente hanno effettivamente scelto un semi-straniero per dare un messaggio politico, seguendo peraltro il modus operandi del dare messaggi, parlare, chiacchierare, il gestore dell’agriturismo (che poi è il vice-gestore) fa i fatti. Si discute del “Prima gli Italiani” su un canale e, a TV spenta, si va avanti con le autonomie. Del nord. Dall’Italia. Ecco servito l’equivalente in salsa nouvelle cuisine del secessionismo. Gli ingredienti, questa volta hanno pesi ben precisi, e seguono la tecnica della divisione nelle varie fasi della ricetta.

Prima gli Italiani, ma niente torta alle scuole del sud, anzi, più bacchettate, perché devono impegnarsi di più. Prima gli Italiani, ma una specifica parte di questi non deve più sobbarcarsi la semina nel campo comune come tutti quanti. Prima gli Italiani, ma qualcuno di questi prima di altri.un sottile scivolamento verso un’Italia che non è più una, ma unita contro lo straniero. Saremo una Patria-Famiglia, una di quelle famiglie che si riuniscono solo in occasione dei mondiali, ad urlare contro Zidane e contro le squadre avversarie, poi ognuno a casa propria, a “discriminarsi” a vicenda, sempre nel senso etimologico.

Quesito: Prima gli Italiani. Si, ma quali? Svolgimento: Abbiamo fatto l’Italia, adesso è ora di disfarla.

  FONTE: https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/02/13/domani-testo-autonomia-in-cdm_87d52e52-49e5-4488-be81-86db69d9e3dc.html    

                                                                                            UFFICIO STAMPA INSIEME

                                                                                                      (Fabio Stefanelli)

 
Condividi!

    Leggi Tutto Nessun Commento

    Il mare uccide solo d’inverno

    IL MARE UCCIDE SOLO D’INVERNO – Viaggio con il Dott. Pietro Bartòlo

    …..non facciamo in tempo ad imboccare l’autostrada, a poche centinaia di metri di distanza, che raggiungiamo così il cuore del discorso, in modo diretto e semplice come le sue parole, che versa elegantemente nell’auto, con quella competenza che affascina ed incuriosisce, tipica di un vecchio marinaio che parla di fantastici porti lontani e di straordinarie avventure passate. La fantasia, però, c’entra ben poco. I porti di cui narra sono dietro l’angolo, poco al di là dell’orizzonte, e le disavventure sono recenti quanto il tramontare ed il sorgere del sole………

      Il-Mare-uccide-solo-d'Inverno-converted-001                                                                                                                                                                                                          (Fabio Stefanelli)                      
    Condividi!

      Leggi Tutto Nessun Commento

      BANDO DI SELEZIONE 2018 PER I VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

      images-1

      E’ stato pubblicato il bando di selezione 2018 per i volontari del Servizio Civile Nazionale.

      Il termine per la presentazione della domanda di partecipazione alla selezione di quattro volontari per il Servizio Civile Nazionale è il 28 settembre 2018 alle ore 14.00 (entro le 18:00 in caso di consegna a mano)

      INSIEME per il sociale

      L’Associazione Insieme ONLUS e la Fattoria Sociale “Le Tre Querce” della Cooperativa Sociale L’Aquilone Insieme ONLUS aderendo alla rete del CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza)  hanno presentato, nell’ambito del Servizio Civile Nazionale, il progetto dal titolo “Stili di vita in-dipendente” che ha l’obiettivo di

      • mitigare i rischi sociali correlati all’uso di sostanze: emarginazione, discriminazione; perdita di reti sociali e reti relazionali; perdita del lavoro e delle capacità produttive; povertà e indigenza assoluta;
      • favorire il reinserimento delle persone tossicodipendenti nel circuito lavorativo delle imprese del territorio.

      Aderire al progetto significa compiere un’esperienza di cittadinanza attiva, impegnandosi nei settori della marginalità, ma anche della promozione del benessere sociale. Significa crescere, imparare a lavorare in gruppo, a realizzare un progetto di aiuto, a confrontarsi con i problemi e le difficoltà sociali.

      Il servizio civile, rivolto a 4 (quattro) volontari, verrà svolto presso l’Associazione Insieme  nella sede di Potenza in viale del Basento 102 e presso la Fattoria Sociale “Le Tre Querce” sita in Picerno (PZ) in Strada Picerno-Baragiano, e i volontari saranno coinvolti:

      1. nelle attività di accompagnamento e sostegno alla vita comunitaria degli utenti: attività laboratoriali, pulizia degli ambienti, preparazione dei pasti ecc;
      2. nelle attività di accompagnamento e supporto delle persone con problematiche legate alla dipendenza nell’ambito lavorativo, con particolare attenzione alla cura delle relazioni e al sostegno di difficoltà legate alla prestazione professionale;
      3. nelle attività di realizzazione degli eventi, diffusione delle iniziative, di divulgazione delle informazioni relative alle attività socio-culturali offerte.
      4. nelle attività di segreteria: stesura report, tenuta agenda, azioni di sollecitazione partecipazione, invio lettere, comunicazioni ecc

      Il servizio civile offrirà un’esperienza formativa e di crescita personale. Si tratta di un’occasione per sperimentarsi e per rafforzare le proprie competenze tecnico/professionali rispetto all’ambito del progetto.

      Di seguito tutte le informazioni utili per inviare la propria candidatura.

       Le domande di partecipazione vanno spedite:

      1. a mezzo posta a: Associazione Insieme ONLUS – Viale del Basento 102 – 85100 POTENZA (non fa fede il timbro postale, ma l’effettiva ricezione della domanda);
      2. a mezzo PEC all’indirizzo insieme.onlus@open.legalmail.it Il candidato che utilizzerà questa modalità di invio deve essere titolare di un indirizzo PEC e deve allegare tutta la documentazione richiesta in formato PDF;
      3. consegna a mano.

       Il termine per l’invio* delle domande via PEC o a mezzo raccomandata A/R è fissato al 28 settembre 2018. In caso di consegna della domanda a mano il termine è fissato alle ore 18.00 del 28 settembre2018; l’ente appone sulla domanda un timbro recante data e orario di acquisizione.

       Le domande trasmesse con modalità diverse da quelle sopra indicate e pervenute oltre i termini innanzi stabiliti non saranno prese in considerazione.

       IMPORTANTE:

       *Con il  termine “l’invio” quest’anno è considerato valido il timbro dell’Ufficio Postale di invio della domanda o l’orario di spedizione della PEC e non la data di ricezione presso l’Ente.

      Per la consegna a mano invece  il termine è fissato alle re 18:00 del 28 settembre 2018; l’ente apporrà sulla domanda un timbro recante data e orario di acquisizione.

      Resta inteso che qualora si utilizzi la PEC il mittente deve accertarsi del buon esito della stessa che si evince dalla ricezione non solo del messaggio contenente data e ora di spedizione, ma anche dalla ricezione del messaggio indicante che la PEC  è stata consegnata al destinatario.

      Si suggerisce, in ogni caso, di non attendere l’ultimo giorno per la presentazione della domanda.

      Si ricorda che è possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di Servizio Civile Nazionale, pena esclusione dalla partecipazione alla selezione.

      I requisiti necessari Possono partecipare alla selezione, dei quattro posti, i giovani, senza distinzione di sesso , che alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il 18° e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda in possesso dei seguenti requisiti:

      • cittadinanza italiana, ovvero di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, ovvero di un Paese extra UE purché regolarmente soggiornante in Italia (i cittadini Extra UE con permesso di soggiorno di soli 6 mesi possono comunque presentare domanda di partecipazione al Servizio civile, la condizione di regolarmente soggiornante deve essere posseduta dal candidato al momento della presentazione della domanda. Il requisito deve ovviamente essere mantenuto per tutta la durata del servizio civile e il mancato rinnovo del permesso comporterebbe l’esclusione all’avvio o durante il servizio); sono altresì ammissibili le domande di coloro che avendo presentato istanza per il rilascio del permesso di soggiorno sono in attesa di conoscerne l’esito e sono in possesso della ricevuta attestante l’avvenuta presentazione dell’istanza;
      • non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

      I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

      Non possono presentare domanda i giovani che:

      • appartengono ai corpi militari e alle forze di polizia;
      • abbiano già prestato o stiano prestando servizio civile nazionale, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista;
      • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

      Non costituiscono cause ostative alla presentazione della domanda di servizio civile:

      • aver interrotto il servizio civile nazionale a conclusione di un procedimento sanzionatorio a carico dell’ente originato da segnalazione dei volontari;
      • aver già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani” e nell’ambito del progetto sperimentale europeo International Volunteering Opportunities for All.

      I volontari impegnati, nel periodo di vigenza del presente bando, nei progetti per l’attuazione del Programma europeo Garanzia Giovani possono presentare domanda ma, qualora fossero selezionati come idonei, potranno iniziare il servizio civile solo a condizione che si sia intanto naturalmente conclusa – secondo i tempi previsti e non a causa di interruzione da parte del giovane – l’esperienza di Garanzia Giovani.

      La domanda, firmata dal richiedente, deve essere:

      • redatta secondo il modello riportato nell’Allegato 3 al presente bando, attenendosi scrupolosamente alle istruzioni riportate in calce al modello stesso e avendo cura di indicare la sede per la quale si intende concorrere;
      • accompagnata da fotocopia di valido documento di identità personale;
      • corredata dall’Allegato 4 relativo all’autocertificazione dei titoli posseduti; tale allegato può essere sostituito da un curriculum vitae reso sotto forma di autocertificazione ai sensi del DPR n.445/2000, debitamente firmato;
      • corredata dall’Allegato 5 debitamente firmato relativo all’informativa “Privacy”, redatta ai sensi del Regolamento U.E. 679/2016; redatta in carta semplice, secondo il modello scaricabile dal sito dell’Ufficio nazionale servizio civile nella sezione modulistica.

      Per qualsiasi informazione è inoltre possibile rivolgersi presso la sede in Viale del Basento n. 102, Potenza – tel. 0971601056.

      Simbolo PDF  Sintesi-Progetto ott. 2015 – Stili di vita In-dipendente

      xSchermata-2018-06-27-alle-15.41.29.jpg.pagespeed.ic.76rCKojO3a   Allegato_3_ DOMANDA

      xSchermata-2018-06-27-alle-15.41.29.jpg.pagespeed.ic.76rCKojO3a   Allegato_4_DICHIARAZIONE TITOLI

      xSchermata-2018-06-27-alle-15.41.29.jpg.pagespeed.ic.76rCKojO3a  Allegato_5_INFORMATIVA PRIVACY

      Simbolo PDF CALENDARIO SELEZIONI Associazione Insieme Onlus

      Simbolo PDF CALENDARIO SELEZIONI Fattoria Sociale “Le 3 Querce”

      Simbolo PDF Esito Colloqui Associazione Insieme Onlus

      Simbolo PDF Esito Colloqui L’Aquilone Insieme

       
      Condividi!

        Leggi Tutto Nessun Commento

        EQUIPE


        MARIAELENA BENCIVENGA

        MARIAELENA BENCIVENGA

        Presidente
        DOMENICO MAGGI

        DOMENICO MAGGI

        Direttore C.P.I.
        ANGELA BARAGLIA

        ANGELA BARAGLIA

        Operatore
        CARMEN FUSCO

        CARMEN FUSCO

        Vice Direttore
        DOMENICO MAROSCIA

        DOMENICO MAROSCIA

        Medico Chirurgo
        MARIA LUCIA NOLE'

        MARIA LUCIA NOLE'

        Psicologa
        PIERO GAROFOLI

        PIERO GAROFOLI

        Operatore
        GIANLUCA GUIDA

        GIANLUCA GUIDA

        Operatore
        SABATO ALVINO

        SABATO ALVINO

        Psicologo
        AMEDEO SALVIA

        AMEDEO SALVIA

        Operatore
        FABRIZIO CERBASI

        FABRIZIO CERBASI

        Psicologo
        LETIZIA TOMASIELLO

        LETIZIA TOMASIELLO

        Sociologa
        GIOVANNI PICCINOCCHI

        GIOVANNI PICCINOCCHI

        Operatore
        VINCENZO PIGNONE

        VINCENZO PIGNONE

        Operatore
        FLAVIA SALVIA

        FLAVIA SALVIA

        Resp. Amministrazione
        ANDREA BARRA

        ANDREA BARRA

        Psichiatra
        FRANCESCA LUCIBELLO

        FRANCESCA LUCIBELLO

        Psicologa
        LETIZIA MARTINELLI

        LETIZIA MARTINELLI

        Resp. Segretaria
        FELICIANA FARENGA

        FELICIANA FARENGA

        Educatore
        LAURA LA TORRE

        LAURA LA TORRE

        Operatore
        FABIO STEFANELLI

        FABIO STEFANELLI

        Psicologo
        GIANNOFRIO MASESSA

        GIANNOFRIO MASESSA

        Psichiatra
        Giovanna Nolè

        Giovanna Nolè

        Psicologa
        Adamo Pace

        Adamo Pace

        Operatore
        Indirizzo:
        viale del basento, 102
        85100 Potenza (PZ)
        Telefono:
        0971.601056 – 0971.1800833
        Fax:
        0971.506444
        Cellulare:
        338.9905806
        logo_completo



        Powered by Warp Theme Framework