PRIMA GLI ITALIANI

HOME

Italiaspezzataindue

Prima gli italiani”. Fino a qui tutto bene. Il problema non è l’accaduto, ma il retaggio (cfr. “L’odio” di Kassovitz).

Fino a che si antepongono gli interessi di una nazione a quelli di chi non ne fa parte, agli occhi di un italiano questo può avere un senso logico, anche da un punto di vista antropologico, che sia condivisibile o meno. Quindi ok, ascoltiamo, con la possibilità di dissentire, il “Prima gli Italiani!”. Il problema nasce nel momento in cui sorge il dubbio spontaneo: “Si, ma quali?”.

Non è una domanda da poco, e la tentazione di affrontare una dissertazione storica sulle italiche genti, sui flussi migratori e sull’antica Roma è davvero forte, ma rischierebbe di arenarsi in contrapposizioni ideologiche e frasi fatte che poco si sposano con il pragmatismo e l’ottica di semplificazione che, magari giustamente, o magari molto ingiustamente, chissà, si persegue al giorno d’oggi.

Ci si riferisce quindi non ad un problema di natura storico, genetico o di qualsiasi materia suggerita dai possibili voli pindarici a partire dall’argomento, ma ad una questione squisitamente attuale. Molti acclamano la politica discriminatoria odierna, nel senso etimologico, ovvero di discernere a chi destinare e a chi non destinare le non infinite risorse disponibili. La questione è seria ed effettivamente va affrontata, il più linearmente ed efficacemente possibile. A scuola mi hanno sempre insegnato che la soluzione dei problemi è tanto più semplice quanto più semplice risulta l’impostazione del problema stesso.

Matteo gestisce un agriturismo ed ha otto fette di torta, preparata con alcuni degli ingredienti di propria produzione e pochi altri donati da una ditta esterna. Nella sala adiacente c’erano dieci persone, ma ad un certo punto ne è entrata poco meno di un’altra (dati ISTAT). Matteo propone quindi una soluzione, vista l’evidente stato di sovrannumero e l’affollamento della sala: Dare la torta solo a chi fa parte del proprio gruppo, così entra in sala e dichiara “La cucina è chiusa. La torta è solo di quelli del mio gruppo. È finita la pacchia”, e così via.

Tutto risolto. Fino a qui tutto bene, sembra. Il vero problema, come in ogni quesito, sorge nel momento in cui bisogna definire le unità di misura e le espressioni connesse. Per esempio: qual è l’unità di misura del “mio gruppo”? Sicuramente sono escluse le poco-meno-di-una-persona che hanno invaso la sala all’ultimo. Perfetto, quindi sappiamo a cosa NON si riferisce l’espressione “mio gruppo”. Ma a cosa si riferisce?

Mentre ci si accalora sulla diabolicità e sulle tendenze sataniste dei conduttori di San Remo e sulla faziosità dei giudici di gara, che probabilmente hanno effettivamente scelto un semi-straniero per dare un messaggio politico, seguendo peraltro il modus operandi del dare messaggi, parlare, chiacchierare, il gestore dell’agriturismo (che poi è il vice-gestore) fa i fatti. Si discute del “Prima gli Italiani” su un canale e, a TV spenta, si va avanti con le autonomie. Del nord. Dall’Italia. Ecco servito l’equivalente in salsa nouvelle cuisine del secessionismo. Gli ingredienti, questa volta hanno pesi ben precisi, e seguono la tecnica della divisione nelle varie fasi della ricetta.

Prima gli Italiani, ma niente torta alle scuole del sud, anzi, più bacchettate, perché devono impegnarsi di più. Prima gli Italiani, ma una specifica parte di questi non deve più sobbarcarsi la semina nel campo comune come tutti quanti. Prima gli Italiani, ma qualcuno di questi prima di altri.un sottile scivolamento verso un’Italia che non è più una, ma unita contro lo straniero. Saremo una Patria-Famiglia, una di quelle famiglie che si riuniscono solo in occasione dei mondiali, ad urlare contro Zidane e contro le squadre avversarie, poi ognuno a casa propria, a “discriminarsi” a vicenda, sempre nel senso etimologico.

Quesito: Prima gli Italiani. Si, ma quali? Svolgimento: Abbiamo fatto l’Italia, adesso è ora di disfarla.

  FONTE: https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/02/13/domani-testo-autonomia-in-cdm_87d52e52-49e5-4488-be81-86db69d9e3dc.html    

                                                                                            UFFICIO STAMPA INSIEME

                                                                                                      (Fabio Stefanelli)

 
Condividi!

    Trackback dal tuo sito.

    Lascia un commento

    *

    EQUIPE


    MARIAELENA BENCIVENGA

    MARIAELENA BENCIVENGA

    Presidente
    DOMENICO MAGGI

    DOMENICO MAGGI

    Direttore C.P.I.
    ANGELA BARAGLIA

    ANGELA BARAGLIA

    Operatore
    CARMEN FUSCO

    CARMEN FUSCO

    Vice Direttore
    DOMENICO MAROSCIA

    DOMENICO MAROSCIA

    Medico Chirurgo
    MARIA LUCIA NOLE'

    MARIA LUCIA NOLE'

    Psicologa
    PIERO GAROFOLI

    PIERO GAROFOLI

    Operatore
    GIANLUCA GUIDA

    GIANLUCA GUIDA

    Operatore
    SABATO ALVINO

    SABATO ALVINO

    Psicologo
    AMEDEO SALVIA

    AMEDEO SALVIA

    Operatore
    VINCENZO MARTINELLI

    VINCENZO MARTINELLI

    Presidente C.T.S.
    FABRIZIO CERBASI

    FABRIZIO CERBASI

    Psicologo
    DORA ROSA NAPPI

    DORA ROSA NAPPI

    Cuoca
    LETIZIA TOMASIELLO

    LETIZIA TOMASIELLO

    Sociologa
    GIOVANNI PICCINOCCHI

    GIOVANNI PICCINOCCHI

    Operatore
    VINCENZO PIGNONE

    VINCENZO PIGNONE

    Operatore
    FLAVIA SALVIA

    FLAVIA SALVIA

    Resp. Amministrazione
    ANDREA BARRA

    ANDREA BARRA

    Psichiatra
    FRANCESCA LUCIBELLO

    FRANCESCA LUCIBELLO

    Psicologa
    LETIZIA MARTINELLI

    LETIZIA MARTINELLI

    Resp. Segretaria
    FELICIANA FARENGA

    FELICIANA FARENGA

    Educatore
    LAURA LA TORRE

    LAURA LA TORRE

    Operatore
    FABIO STEFANELLI

    FABIO STEFANELLI

    Psicologo
    GIANNOFRIO MASESSA

    GIANNOFRIO MASESSA

    Psichiatra
    Indirizzo:
    viale del basento, 102
    85100 Potenza (PZ)
    Telefono:
    0971.601056 – 0971.1800833
    Fax:
    0971.506444
    Cellulare:
    338.9905806
    logo_completo



    Powered by Warp Theme Framework